La più Economica Segnaletica Turistica Interattiva con Qr Code. Ogni Comune ha bisogno di una segnaletica che possa dare informazioni ai turisti 24 ore su 24, illustrare tutto il patrimonio culturale in più lingue, migliorare la fruibilità dei monumenti, integrarsi perfettamente con la città e rendere più facile l’accessibilità per il turista e il cittadino.

VUOI DIVENTARE LA PROSSIMA CITTÀ INNOVATIVA?

ATTENZIONE

QrTour è ottimizzato per essere navigato da dispositivi smartphone e tablet.

Per vedere il contenuto della pagina scansiona il QrCode con il tuo device.

Necropoli del Crocefisso del Tufo

  

Scoperta nell’Ottocento, rappresenta un documento straordinario della storia e della cultura etrusca. La sua visita trova essenziale complemento in quella del Museo Archeologico Nazionale e del Museo Claudio Faina di Orvieto, che ne custodiscono numerosi reperti, soprattutto i ricchi corredi ceramici.

Conosciuta come la “città dei morti”, la Necropoli del Crocefisso del Tufo prende il nome da un crocifisso realizzato nel tufo che si trova all’interno di una deliziosa e suggestiva chiesa rupestre raggiungibile dal percorso dell’Anello della Rupe. Nell’area archeologica posta ai piedi della rupe di Orvieto, sono presenti oltre 200 tombe di epoca etrusca. La necropoli fu utilizzata dall’VIII al III secolo a. C. Al periodo di massimo sviluppo (VI-V secolo a.C) risale la pianificazione della necropoli a isolati, definiti da strade tra loro ortogonali e occupati da tombe del tipo “a dado”, secondo una rigida disposizione che riflette un’organizzazione sociale di tipo egualitaria.

Ogni sepoltura era riservata a singole famiglie identificate dal nome del capofamiglia inciso sull’architrave, che svela la presenza anche di cittadini stranieri ad Orvieto, sempre più cosmopolita. Forme di ostentazione della ricchezza raggiunta da un largo strato di cittadini sono, infine, espresse dai lussuosi oggetti di corredo, acquistati sul mercato greco-orientale.

Poco distante dalla Necropoli, all’estremità settentrionale della città, vicino al Pozzo di San Patrizio, si trova il tempio etrusco del Belvedere. Si tratta del monumento meglio conservato della Orvieto etrusca e da sempre considerato uno degli esempi “canonici” dell’architettura sacra di quel periodo. Il tempio è oggi parte del Parco Archeologico e Ambientale dell’Orvietano (PAAO), un progetto volto alla valorizzazione del patrimonio archeologico in relazione alle numerose risorse naturalistiche. Dell’edificio sono anche visitabili le numerose terrecotte architettoniche di eccezionale qualità che lo decoravano, esposte sia al Museo Claudio Faina che al Museo Archeologico Nazionale di Orvieto.
Del tempio, scoperto nel 1828 a seguito dei lavori per la realizzazione della via Cassia Nuova, sono conservati i muri e i tagli di fondazione che restituiscono una pianta dell’edificio articolata in un pronao (la parte anteriore) con quattro colonne sulla fronte, dietro cui si apre un ambiente a tre celle affiancate, con la centrale più ampia delle laterali.

Videoguida lis

Clicca play per la vedere la videoguida LIS

Personaggi Animati

Clicca play per la vedere il video

Mappa

 Condividi la tua posizione

 Visualizza a schermo pieno

Scegli un altro punto di interesse

Ingrandisci

Rimpicciolisci

Scarica la app di Orvieto Experience e scopri i suoi contenuti multimediali

Accedi ai contenuti in Realtà Aumentata

Linkar è l’innovativa app per la lettura della realtà aumentata,
la virtual reality e i qr code.

Uno strumento unico per accedere a informazioni interattive nascoste dietro al mondo cosi come lo vediamo.