La più Economica Segnaletica Turistica Interattiva con Qr Code. Ogni Comune ha bisogno di una segnaletica che possa dare informazioni ai turisti 24 ore su 24, illustrare tutto il patrimonio culturale in più lingue, migliorare la fruibilità dei monumenti, integrarsi perfettamente con la città e rendere più facile l’accessibilità per il turista e il cittadino.

VUOI DIVENTARE LA PROSSIMA CITTÀ INNOVATIVA?

ATTENZIONE

QrTour è ottimizzato per essere navigato da dispositivi smartphone e tablet.

Per vedere il contenuto della pagina scansiona il QrCode con il tuo device.

Giuseppe Nicola Nasini – Visione di Francesco cui la Vergine offre il Bambino Gesù

  

Olio su tela (cm 172 x 122), 1695
Assisi, Sacro Convento, Sala del Capitolo

La Visione di Francesco cui la Vergine offre il Bambino Gesù è una delle cinque opere che Cosimo III de’ Medici commissionò nel 1695 al pittore senese Giuseppe Nicola Nasini (1657–1736) quale dono per il Sacro Convento, come testimoniato da lettere conservate presso gli archivi di Assisi e Firenze.
Oltre a quest’opera, siglata dal Nasini, la serie comprendeva: Francesco si getta sulle spine (dispersa); Francesco riceve le stimmate; Francesco morente viene vestito del saio; Francesco morente benedice Elia.
Nel 1696 le tele furono poste entro cornici a stucco nell’appartamento papale, nel quale il Granduca di Toscana aveva soggiornato in occasione di un pellegrinaggio. Rimosse a fine Ottocento, attualmente si trovano nella Sala del Capitolo.
La Visione si ispira a un episodio del raro De cognatione sancti Francisci di Arnaldo di Sarrant, ripreso dal Liber Conformitatum di Bartolomeo da Pisa, molto diffuso in ambito controriformistico, dove la Vergine è descritta come ‘una fanciulla bellissima, più splendente del sole’.
Questo modello iconografico devozionale, tipico del periodo, esprime una profonda e domestica umanità: il Verbo incarnato, affidato dalla Madre Celeste a Francesco, presenta tutte le caratteristiche del bambino-creatura. Potremmo pertanto collegare la rappresentazione al celebre evento del Natale del 1223 quando, a Greccio, Francesco prese tra le braccia il Bambino, rievocando la Natività e dando origine alla tradizione del presepio.

Mappa

 Condividi la tua posizione

 Visualizza a schermo pieno

Scegli un altro punto di interesse

Ingrandisci

Rimpicciolisci

Progetto realizzato con il contributo
della Regione Umbria

Font Resize